California Rent Car è il tuo unico e affidabile autonoleggio nel cuore di Taormina.

Isole Eolie

Ships at the coast of Lipari Island

Cosa vedere alle isole eolie

FILICUDI E ALICUDI

Poche persone visitano queste isole perché sono così remote. Filicudi è la meno remota delle due isole ed è meglio servita da alberghi e ristoranti. Infatti è benedetta da uno degli hotel più drammatici delle Eolie: l’Hotel La Canna, con 10 stanze, (vedi Dove alloggiare). Ci sono altre ragioni per visitare Filicudi: l’acqua è magnificamente chiara, si può uscire in barca o fare immersioni subacquee, ed è improbabile essere disturbati da qualcun altro su qualsiasi spiaggia.

LIPARI

Lipari è spesso liquidata come nient’altro che l’hub di trasporto delle Eolie, ma ci sono ragioni per fermarsi qui, in particolare perché la città di Lipari ha quello che manca alla maggior parte delle altre isole: un senso tangibile della storia. Ha anche alcuni buoni ristoranti. E, poiché è il centro dei trasporti, è facile da visitare per un giorno, prendendo il museo, un lungo pranzo e un tuffo pomeridiano.

PANAREA

Ringraziamo Paolo Tilche e Myriam Beltrami per aver fatto di Panarea l’isola delle feste. Tilche era un pittore di Alessandria, Beltrami veniva da Como. Cercando un rifugio da restaurare, nel 1958 si trasferirono in una casa a Iditello, vicino al porto di San Pietro. Gli amici cominciarono a venire a trovarli quando fu lanciato il primo servizio di aliscafi e in breve tempo fu suggerito loro di aprire un albergo per ospitare i loro numerosi ospiti. Nacque così l’Hotel Raya. Panarea è ora un meraviglioso mix di colline rocciose, pendii verdi, e le linee architettoniche pure di edifici rettangolari fronteggiati da colonne spesse e archi generosi. Non c’è davvero una spiaggia degna di questo nome, la maggior parte sono spiagge rocciose e poco profonde. Ma Panarea ha una varietà di insenature intorno all’isola principale, e molte rocce sporgenti al largo, Basiluzzo, Dattilo, Lisca Bianca e altre, che forniscono un perfetto ancoraggio temporaneo mentre si nuota in alcune acque meravigliosamente chiare e l’hostess prepara un lungo, lento pranzo. Gli isolani pieni di risorse affittano piccole barche con abbastanza muscoli per portarti fuori nel grande blu; mini-market e traiteurs forniscono il pranzo e il calore pomeridiano combinato con lo sciabordio dell’acqua fornisce il sopore perfetto. È improbabile che siate soli, e se vi dirigete verso una delle più grandi insenature dell’isola sarete quasi certamente raggiunti da gitanti di altre isole. Ma nessuno va a Panarea per la solitudine: anche in mare aperto, la gente vuole vedere ed essere vista. Lo spettacolo a terra si intensifica al tramonto, quando gli italiani si imbarcano per la passeggiata. Non ci sono auto che li disturbano, le corsie sono troppo strette; invece i carretti elettrici e le Vespe forniscono il modo più veloce per muoversi. Lo shopping è insignificante rispetto a quello di Ibiza o delle isole thailandesi, ma troverete abiti da sera, bikini e simili a portata di mano.

SALINA

Perfetta se cercate un rifugio, Salina è un posto dove succede poco, tranne nel 1994, quando Michael Radford ci andò per girare Il Postino. Ma anche la sua fama successiva non è riuscita a cambiarla. Nonostante sia una delle isole più verdi, buona per coltivare capperi e uva dolce, la popolazione di Salina è diminuita a metà del XX secolo, quando gli isolani sono emigrati negli Stati Uniti o in Australia. Alcuni di loro tornano d’estate per affittare case o lavorare nei bar e nei ristoranti, dando all’isola un’atmosfera decisamente affiatata. C’è un museo a Lingua, una buona chiesa nel porto principale di Santa Marina e alcune rocce spettacolari a Pollara, ma la vera attrazione di Salina è la sua mancanza di distrazioni ovvie. Le spiagge di pietra sono semplici, pulite e raramente affollate. Diversi ristoranti servono cibo buono, fresco e semplice, e non c’è bisogno di prenotare. Le viste sul mare verso Lipari o Stromboli sono invariabilmente belle. Rinfrescatevi con una delle più grandi granite del mondo da Da Alfredo a Lingua, guardate il pesce spada che viene tagliato a pezzi nella pescheria di Santa Marina, nuotate sotto le rocce a strapiombo a Pollara e poi andate a Malfa per rilassarvi con un bicchiere di Prosecco al tramonto sulla terrazza dell’Hotel Santa Isabel (vedi Dove dormire).

STROMBOLI

Se arrivate a Stromboli in barca, non preoccupatevi di cercare l’ancoraggio: il nucleo vulcanico che vi sovrasta scenderà in profondità. Nell’antichità questa doveva essere la casa di Eolo, dio dei venti, che ha dato il suo nome alle isole. Dopo le grandi esplosioni e il crollo dell’economia, molti isolani emigrarono. Quelli che rimasero si ridussero al tipo di povertà abietta che attirò Rossellini negli anni ’50. Più recentemente, è diventata l’isola scelta da una folla selezionata che include gli stilisti Dolce e Gabbana. L’attrazione principale rimane il vulcano, e una volta era possibile salire sulla cima e guardare giù i massicci getti di lava che sparavano come giganteschi fuochi d’artificio dal nucleo. Ma da quando il vulcano ha fatto saltare la sua cima non è permesso salire abbastanza in alto per vedere molto di interessante. Ci sono escursioni serali a bordo di una delle diverse barche da cui si può vedere lo spettacolo. Stromboli ha due approdi. Ginostra ha il porto migliore ma è sul lato “lontano” dell’isola e può essere raggiunto solo in barca. Con meno di 30 abitanti e senza elettricità, soggiornare qui è una buona occasione per considerare il significato della parola ‘remoto’. Scari, sulla costa nord-est, è più collegata, collegata dalla strada al villaggio principale dell’isola di San Vincenzo, un luogo sonnolento di case imbiancate a calce, vicoli stretti e buganvillee. Un’altra strada conduce lungo la costa nord ai piccoli insediamenti, alle migliori spiagge e ai buoni ristoranti e negozi di Ficogrande e Piscità.

VULCANO

Vulcano sta rapidamente diventando la più visitata delle Eolie. Nemmeno l’odore dissuade i visitatori dal salire sul vulcano; da quando Stromboli ha fatto esplodere la sua cima, questo è il miglior panorama vulcanico delle Eolie. Secondo la leggenda, il dio greco Vulcano aveva qui il suo laboratorio, anche se l’attività vulcanica è cessata molto tempo fa. Si tratta di una piacevole passeggiata di due ore dal porto alla cima del cono vulcanico, meglio tentare di arrivare presto o tardi perché non c’è ombra lungo la strada. In cima si può scrutare giù nel nucleo del vulcano e attraverso il blu fino a Lìpari e Filicudi. All’altra estremità settentrionale dell’isola, una strada tortuosa porta giù a Gelso, una manciata di case e una magnifica trattoria su una spiaggia di sabbia nera. La spiaggia è un posto eccellente per farsi venire l’appetito prima di un lungo pranzo di spaghetti al nero di seppia e pesce fresco alla Trattoria Maniaci Pino. L’unico modo per godersi le migliori nuotate, vedere le grotte sull’acqua ed evitare la folla a Vulcano è noleggiare una barca. L’altra grande attrazione di Vulcano, le terme, è solo una breve passeggiata dall’approdo del traghetto. Si dice che siano efficaci contro i problemi della pelle e della schiena, la piscina all’aperto di fango vulcanico “leggermente radioattivo” è uno dei grandi spettacoli delle isole, con persone ricoperte di fango dalla testa ai piedi che fanno la breve passeggiata dalla piscina per sciacquarsi nel mare.

source: www.cntraveller.com

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest